I medici Americani rivendicano il diritto sull’uso della cannabis terapeutica:

Posted 11th maggio 2018

Cannabis e olio di cocco sono una potente miscela per uccidere le cellule tumorali.

 

 

Gli umani hanno coltivato e usato la cannabis da millenni. Gli archeologi dell’Asia centrale hanno anche trovato oltre 2 chili di cannabis in una tomba di uno sciamano di 2.700 anni.

Le prove scritte e pittoriche sull’uso di cannabis sono disseminate in numerose culture che indicano un ampio consenso e uso della pianta per migliaia di anni.

La classificazione dei farmaci si interrompe

I divieti federali che proibivano l’uso terapeutico e ricreativo della cannabis furono dapprima imposti dal Congresso con il Marijuana Tax Act del 1937. Successivamente, i composti organici della pianta (cannabinoidi) furono classificati come sostanza Schedule I sotto il Controlled Substances Act del 1970.

Questa classificazione mette la pianta nella stessa riserva di eroina e afferma che la cannabis possiede “un alto potenziale di abuso … nessun uso medico attualmente accertato e una mancanza di sicurezza per l’uso del farmaco sotto controllo medico”.

Al contrario, la cocaina e la metanfetamina – illegali per uso ricreativo, possono essere consumate sotto la supervisione di un medico e sono classificate come farmaci di tipo II. Esempi di farmaci Schedule III e IV includono steroidi anabolizzanti e Valium. Gli analgesici che contengono la codeina sono definiti dalla legge come farmaci Schedule V, la classificazione più mite.

A sostegno dell’uso terapeutico

I legislatori federali continuano a utilizzare la vecchia classificazione delle droghe come mezzo per difendere la criminalizzazione della marijuana. Tuttavia, sembra esserci una minima base scientifica per la categorizzazione della pianta. Poiché il suo divieto è passato a 75 anni, i ricercatori continuano a studiare le proprietà terapeutiche della cannabis.

Ci sono oltre 20.000 recensioni e studi pubblicati in una letteratura scientifica che riguardano la pianta di cannabis ei suoi cannabinoidi, quasi un terzo di questi sono stati pubblicati negli ultimi 4 anni. Una ricerca di parole chiave su PubMed Central (la biblioteca del governo statunitense di ricerca scientifica sottoposta a peer review) mostra solo 2.100 studi dal 2011.

La cultura moderna sta ora recuperando quello che i nostri antenati conoscevano, e l’opinione pubblica e la legislazione statale rilassante stanno aprendo la strada a un maggior numero di persone che usano la marijuana medicinale per un ampio numero di condizioni mediche. Attualmente, la marijuana per scopi medici è legale in 20 stati e nel Distretto di Columbia.

Mentre il dibattito continua a bollire sia a livello statale che federale, c’è stata una forte e crescente tendenza all’accettazione legata al crescente corpo di prove scientifiche che indicano che la marijuana potrebbe effettivamente contenere alcune potenti proprietà medicinali che saremmo folli a trascurare

Joycelyn Elders, MD, ex US Surgeon General, ha scritto quanto segue in un articolo del 26 marzo 2004 intitolato “Myths About Medical Marijuana”, pubblicato sul Providence Journal:

 

“LA PROVA È CHE MARIJUANA PUO’ ALLIEVIARE ALCUNI TIPI DI DOLORE COME: NAUSEA, VOMITO E ALTRI SINTOMI CAUSATI DA MALATTIE COME SCLEROSI MULTIPLA, CANCRO E AIDS – O DAI FARMACI A VOLTE UTILIZZATI PER TRATTARLI. E PUO FARLO CON UNA SICUREZZA IRREFUTABILE. INDIA, LA MARIJUANA È MENO TOSSICA DI MOLTI DEI FARMACI CHE I MEDICI PRESCRIVONO OGNI GIORNO. ”

Ray Cavanaugh, Ph.D., Direttore Nazionale dell’American Alliance for Medical Cannabis (AAMC), ha scritto quanto segue in un articolo del 2002 intitolato “The Plight of the Chronically Ill”, pubblicato sul sito di AAMC:

“MOLTI PAZIENTI CON LESIONI SPINALI IN GRADO DI POTER GODERE DI UNA PASSEGGIATA, PAZIENTI AFFETTI DA AIDS IN GRADO DI GUADAGNARE IL PESO E MANTENERE BASSE DOSI DEI LORO MEDICINALI, PAZIENTI MALATI DI CANCRO CHE TROVANO SOLIEVO DALLA TERRIBILE NAUSEA DELLA CHEMOTERAPIA, I PAZIENTI CON DOLORI CRONICI TROVANO UNA CURA CON LA CANNABIS, I PAZIENTI AFFETTI DA LETHARGIA NARCOTICA E DISTURBI PSICOLOGICI E DIPENDENZE, RESTITUITI A SANITÀ E SOCIETÀ CON L’ASSISTENZA DI UNA ERBA NON TOSSICA CON POTERI DI GUARIGIONE RICONOSCIBILI. ”

L’American Nurses Association (ANA) ha scritto quanto segue nella sua “Dichiarazione di posizione del 19 marzo 2004: fornire ai pazienti un accesso sicuro alla marijuana terapeutica / cannabis”, pubblicato sul sito web dell’ANA:

“L’ASSOCIAZIONE NURSES AMERICANA (ANA) RICONOSCE CHE I PAZIENTI DEVONO AVERE UN ACCESSO SICURO ALLA MARIJUANA / CANNABIS TERAPEUTICA. LA CANNABIS O MARIJUANA È STATA USATA MEDICINALMENTE PER SECOLI. È STATO DIMOSTRATO CHE E’ EFFICACE NEL TRATTARE UN’AMPIA GAMMA DI SINTOMI E CONDIZIONI. ”

I ricercatori del Centro di ricerca sulla cannabis medicinale dell’Università della California hanno annunciato i risultati di una serie di studi clinici randomizzati e controllati con placebo sull’utilità medica della cannabis inalata nel 2010.