la fda proibisce il cbd

Posted 7th maggio 2018

Il CBD e gli estratti di olio di canapa banditi dalla FDA rivendicando che tutte le molecole vegetali appartengono ora esclusivamente a Big Pharma.  

 




 
 

Estratti di olio di canapa contenenti CBD (cannibidioli) sono una tale minaccia per l'industria farmaceutica che la FDA sta ora invocando giustificazioni totalmente folli per metterli fuori legge.

I CBD sono composti non psicoattivi che si trovano naturalmente nelle piante di canapa. Funzionano così bene come una potente medicina naturale che le persone di tutto il mondo stanno realizzando che i CBD funzionano meglio dei farmaci per il trattamento di epilessia, convulsioni, disturbi neurologici e altre gravi condizioni di salute (comprese le infezioni da HIV).

Quindi la FDA ha appena lanciato un massiccio assalto normativo contro i CBD invocando la logica più folle che tu abbia mai sentito. Ecco come va:

1) I CBD funzionano così bene che le case farmaceutiche ora stanno studiando per essere approvati dalla FDA come farmaci.

2) Poiché i CBD sono indagati dalle aziende farmaceutiche, la FDA ha concesso lo status di CBD come "indagato come nuovo farmaco". Nella lingua della FDA dal loro sito web, la FDA ritiene che una sostanza sia autorizzata a essere sottoposta a indagini come nuova droga "se è oggetto di una nuova inchiesta sperimentale (IND) che è entrata in vigore".

3) Poiché i CBD funzionano così bene e sono stati autorizzati per le indagini sui farmaci, la FDA sta ora tentando di regolarli fuori dalla loro esistenza come supplementi dietetici. Secondo il sito web della FDA: "La FDA ha concluso che i prodotti a base di cannabidiolo sono esclusi dalla definizione di supplemento dietetico ai sensi della sezione 201 (ff) (3) (B) (ii) della legge FD & C. Ai sensi di tale disposizione, se una sostanza (come il cannabidiolo) è stata autorizzata a svolgere un'indagine come nuovo farmaco per il quale sono state avviate indagini cliniche sostanziali e per le quali l'esistenza di tali indagini è stata resa pubblica, i prodotti contenenti tale sostanza sono al di fuori della definizione di un supplemento dietetico. "


 
4) Ora la FDA ha iniziato a inviare lettere di avvertimento ai produttori di CBD, sostenendo che sono in violazione delle normative FDA perché stanno vendendo "prodotti adulterati". Adulterati con cosa, esattamente? CBD, naturalmente! "Il dibattito sullo stato legale della canapa CBD continua dopo che la FDA ha inviato otto lettere di avvertimento ai produttori di integratori alimentari e prodotti alimentari CBD all'inizio di questo mese", riferisce Nutritional Outlook. "Le lettere di avvertimento citano le affermazioni sulla salute inammissibili utilizzate per commercializzare i prodotti, così come lo stato invalido del CBD come ingrediente dietetico dovuto alla sua presenza in due applicazioni farmaceutiche attualmente in esame."


La FDA ha appena criminalizzato uno dei medicinali miracolosi più miracolosi al mondo consegnandolo a Big Pharma



In altre parole, la FDA ha appena consegnato a Big Pharma un monopolio assoluto sui CBD (estratto di olio di canapa) affermando in modo ridicolo che tali prodotti naturali sono "adulterati" con molecole (CBD) che la FDA potrebbe far diventare un farmaco.

"I farmaci", secondo la FDA, sono sostanze che hanno dimostrato di trattare, prevenire o curare una malattia, e quindi la stessa logica della FDA ammette che i CBD devono essere in grado di trattare, prevenire o curare le malattie, altrimenti sarebbero inutili come " droga”.

Ma quando una compagnia di integratori alimentari fa lo stesso reclamo, vengono colpiti con lettere di avvertimento aggressive dalla FDA, minacciando di chiuderli, confiscare i loro prodotti e cercare azioni penali contro i dirigenti della compagnia.

Questo è il modo in cui la FDA può immediatamente criminalizzare qualsiasi vitamina o estratto vegetale

Vedi come questa tattica regolamentata e corrotta può permettere alla FDA di criminalizzare istantaneamente qualsiasi integratore alimentare, vitamina, erbe o estratti vegetali?

La vitamina D, per esempio, potrebbe essere messa al bando dalla FDA che annuncia che ha concesso lo status di "Investigational New Drug application (IND)" a qualsiasi azienda farmaceutica che studiava la vitamina D.

Usando questa stessa tattica corrotta e di stampo mafioso, la FDA potrebbe essenzialmente "mettere al bando" il resveratrolo o persino la vitamina C, negando agli americani il diritto di accedere a sostanze naturali sicure, accessibili e naturali che si trovano abitualmente in natura.