Invia un'email

weedjamclubs@gmail.com

Quali sono i benefici del CBD?

Quali sono i benefici del CBD?

Quali sono i benefici del CBD?

IL CBD è una sostanza dai promettenti effetti salutari e terapeutici che si estrae dalla pianta della Canapa attraverso uno specifico trattamento; tale trattamento durante la lavorazione consente di eliminare le sostanze psicotrope della pianta stessa, rendendo il CBD un prodotto completamente sicuro e legale.

Molti studi stanno dimostrando che tale sostanza possiede proprietà in grado davvero di migliorare lo stato psico fisico del nostro organismo apportando numerosi benefici. Quali sono i benefici del CBD? Lo andremo a dimostrare nelle righe che seguono, elencando tutte le proprietà positive che sinora gli studi a carattere clinico gli hanno riconosciuto.

Quali sono i principali effetti benefici del CBD

È stato dimostrato che il CBD innesca una reazione diretta con alcuni recettori del sistema endocannabinoide presente nel nostro organismo. In altre parole, l’assunzione di CBD ripristina l’equilibrio originario di tale sistema in caso di traumi o anche d’infiammazioni apportando beneficio. Sono molte le proprietà terapeutiche contenute nel CBD, tutte in grado di dare sollievo a particolari stati di sofferenza. Se ti stai domandando quali sono i benefici del CBD? Continua a leggere:

  • Il CBD possiede proprietà antinfiammatorie e analgesiche. Vale a dire che riduce la sensazione di dolore dovuta a traumi o a infiammazioni.
  • Il CBD sviluppa capacità neuroprotettive consentendo la rigenerazione cellulare.
  • Il CBD inoltre ha una grande effetto ansiolitico. La sua assunzione aiuta a scaricare lo stress quotidiano; inoltre, si sta rivelando efficace nel trattamento di patologie quali lo stress post traumatico e il disturbo di tipo ossessivo compulsivo.

Oltre a queste proprietà non vanno dimenticate le sue capacità antiemetiche e anticonvulsivanti, capaci cioè di bloccare i conati di vomito o gli attacchi epilettici. Per cui se ci si domanda quali sono i benefici del CBD? La risposta non può che essere estremamente positiva.

Come si assume il CBD

A seguito del processo di estrazione e lavorazione la sostanza viene commercializzata fondamentalmente sotto due forme diverse. Come olio e sotto forma di cristalli. Nel primo caso l’assunzione avviene per mezzo di gocce da ingerire ponendole sotto alla lingua, l’entrata in circolo nell’organismo è molto rapida in questo modo. Nel caso dei cristalli, invece, l’assunzione avviene per inalazione: il cristallo deve essere vaporizzato e poi inspirato sotto forma di fumo; come avviene quando si fuma una sigaretta elettronica, in questo caso l’assorbimento è ugualmente efficace ma più diluito rispetto all’assunzione. Quali sono i benefici del CBD?

Una volta che lo abbiamo ingerito o inalato il nostro organismo comincerà a sentirsi più disteso e rilassato. L’umore migliorerà sensibilmente man mano che le tensioni cominceranno a venire e avremo una percezione più serena e fiduciosa della realtà che ci circonda. Per quanto riguarda il dosaggio da assumere quotidianamente non esistono specifiche indicazioni negative o controindicazioni. Alcuni studi sembrano indicare nei 1500 mg al giorno la dose massima consigliabile, ma dipende sempre dallo stato fisico di ciascuno di noi. La buona regola consiste nell’osservarsi e autoregolarsi, prendendone quanto basta per potersi godere gli effetti corroboranti e positivi di questa sostanza dalle mille proprietà benefiche.

Qual è la migliore erba da fumare?

Qual è la migliore erba da fumare?

Qual è la migliore erba da fumare?

Fumare erba significa fumare le foglie della canapa, nota anche come cannabis o marijuana. Tuttavia, ciò non è possibile senza un processo che separi le sostanze nocive (THC) da quelle benefiche (CBD); oltre che essere pericoloso per la salute è anche illegale. Tuttavia, una volta separate le due sostanze eliminando quella psicotropa è perfettamente legale fumare le foglie di canapa contenenti CBD.

Naturalmente, il processo di separazione e trasformazione comporta un cambiamento di stato e forma. Per cui se ti domandi qual è la migliore erba da fumare? la risposta è senza dubbio quella contenente CBD, solo che non sembra erba.

CBD che forma ha e come assumerlo

Numerosi studi clinici confermano che il CBD, ovverosia il cannabidiolo, assolve a numerose funzioni positive per il nostro organismo, come ad esempio regolando il sonno; ovvero aiutando il processo di rilassamento eliminando le fatiche accumulate nel corso della giornata o anche svolgendo un’efficace azione antinfiammatoria e analgesica. È proprio il caso di dire che il CBD è la migliore risposta alla domanda qual è la migliore erba da fumare?

La sostanza del CBD dialoga naturalmente col nostro sistema endocannabinoide attivandone i recettori preposti al benessere. Una volta lavorata la foglia di canapa e separato il CBD dalle sostanze pericolose, esso viene posto in commercio in diversi prodotti tra cui:

  • Cristalli, da vaporizzare ed aspirare o anche per cucinare.
  • Capsule, da ingerire.
  • Creme, da spalmare sulla pelle.
  • Olio, da consumare in gocce sublinguali.

Ogni tipologia ha le proprie modalità di assunzione e i propri tempi di efficacia. Dovendo ricercare qual è la migliore erba da fumare? l’unica risposta possibile è il CBD in forma di cristalli.

Come si usano i cristalli di CBD

La prima cosa da fare è verificare la percentuale di CBD contenuta in ogni cristallo. La confezione riporterà in modo esplicito tale valore, ciò serve per capire bene quanto CBD assumere e per trovare il proprio dosaggio. A differenza degli altri prodotti contenente CBD, i cristalli sono un concentrato purissimo privo di altre sostanze. Sebbene non siano noti effetti negativi legati al sovradosaggio, è bene verificare come reagisce il nostro organismo in modo da trovare il giusto fabbisogno. Le dosi medie consigliate sono sempre quelle di un micro-dosaggio, ovverosia assunzione di CBD tra gli 0,5 ed i 20 mg al giorno; per poi fissarsi su un dosaggio standard tra i 20 ed i 100 mg quotidiani.

Sebbene i cristalli possano essere usati anche in cucina aggiungendone quanto basta a ogni ricetta, il loro uso prevalente rimane quello legato al fumo. Per rispondere alla domanda qual è la migliore erba da fumare? I cristalli di CBD si vaporizzano per poi essere aspirati. Come una sigaretta elettronica, ma senza alcuna combustione e senza rilasciare alcun odore. Fumare CBD è anche il sistema che fa effetto prima di ogni altro: la sua azione rilassante inizia sin dalla prima boccata; e i suoi effetti possono durare tra le due e le quattro ore. Fumare CBD, dunque, può diventare una abitudine quotidiana per rilassarsi.

Qual è l’erba legale?

Qual è l’erba legale?

Qual è l’erba legale?

Questa è una domanda molto ricorrente, perché sono diversi anni che in Italia, come nel resto del mondo, si assiste al fiorire di negozi dedicati. Non solo esercizi commerciali su strada, ma anche vendita online di prodotti derivati dalla canapa. E tutti perfettamente legali. La canapa è la pianta della marijuana, per intenderci, il cui uso rimane illegale e dannoso per la salute.

Ma allora, qual è l’erba legale? Viene giustamente da chiedersi e come è possibile che abbia gli stessi effetti. Eppure, è così ed è tutta una questione di chimica: la stessa pianta di marijuana contiene sostanze diverse. Una, il THC, è dannosa perché ha un effetto psicotropo potenzialmente nocivo per la salute; l’altra, il CBD, che invece paradossalmente ha solo effetti positivi sull’organismo dando quasi le medesime sensazioni della sostanza nociva.

Il CBD, cos’è e come prenderlo

L’acronimo CBD indica la sostanza del cannabidiolo, contenuta nella pianta di marijuana e producente una serie di effetti benefici sull’organismo umano. Tali effetti sono riconosciuti dal punto di vista clinico, al punto che non serve nemmeno la ricetta medica per comprare i prodotti contenenti CBD. La sostanza del CBD si estrae dalla pianta di canapa dopo averla separata dalle parti nocive, pertanto l’intero processo è accuratamente controllato.

Si è notato che l’assunzione di CBD comporta una generale stato di benessere per l’organismo umano, favorendo il rilassamento ad esempio, ovvero influendo positivamente su sonno e memoria, ma anche svolgendo un’efficace azione analgesica e antinfiammatoria. Per rispondere alla domanda qual è l’erba legale? L’unica risposta esistente è il CBD. Esistono vari prodotti a base di CBD in commercio, i principali sono:

  • Capsule edibili.
  • Cristalli vaporizzabili o impiegabili in cucina.
  • Olio da assumere in gocce sublinguali.
  • Creme corpo.

Come si usano i diversi prodotti a base di CBD

Se proprio vuoi dare una risposta alla domanda qual è l’erba legale? Non devi fare altro che utilizzare i cristalli di CBD. Poiché vanno vaporizzati e inalati con uno svapo, come una sigaretta elettronica per intenderci, sono quelli più simili al consumo dell’erba illegale come forma. Anche se in questo caso è tutto estremamente legale. Inalare il fumo derivante dalla vaporizzazione dei cristalli è anche il metodo più rapido per sentire gli effetti del CBD che, così, sono immediati. Il loro effetto dura mediamente da due a quattro ore.

Altri metodi per assumere il CBD sono quelli di utilizzarlo attraverso l’assorbimento della pelle, tramite le creme corpo; in questo caso gli effetti cominciano a manifestarsi dopo circa 15 minuti e perdurano tra le due e le quattro ore. Più lunga è invece la durata che si ottiene ingerendo il CBD tramite gocce di olio o capsule edibili. Anche se gli effetti sono legati al processo digestivo, e dunque si manifestano anche dopo alcune ore, la loro durata è ben più lunga; si può arrivare anche sino alle 6 ore di effetto.

Ecco, dunque, tutte le risposte alla domanda qual è l’erba legale? Avendo nel CBD la sola risposta possibile. Legale, salutare e acquistabile senza nemmeno bisogno di ricetta medica.

Cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi?

Cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi?

Cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi?

Sapendo bene che non è una cosa legale molte persone si affannano alla ricerca di un’alternativa sana e legale per il loro tempo libero e il relax. Negli ultimi tempi sta crescendo l’interesse per i prodotti derivati dal cannabidiolo, meglio noto come CBD. Si tratta di una sostanza completamente legale e salutare sotto tutti i punti di vista, che si estrae dalle foglie della cannabis.

Il processo di lavorazione ed estrazione separa le sostanze psicotrope, lasciando il buono della marijuana i cui effetti procurano comunque una piacevolissima sensazione di benessere. Per cui se ci si domanda cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi? la risposta non può essere altro che: il CBD.

Che cos’è il CBD e come si ottiene

Il CBD si ricava, come detto, dalle stesse piante di marijuana. Durante la lavorazione si separano le varie sostanze sino a raggiungere una percentuale di THC (la sostanza psicotropa illegale) inferiore allo 0,2 % come previsto dalla normativa vigente. In questa fase della lavorazione il composto è come una melassa ricca di CBD e altri fitocannabinoidi minori. A questo punto della lavorazione:

  • Comincia la raffinazione vera e propria alla ricerca della maggior purezza. Quando si arriva all’80 % di purezza il CBD comincia a cristallizzarsi.
  • A partire da questo punto prosegue la raffinazione sino a ottenere una molecola pura al 99%. Il cristallo di CBD è pronto.

Ma come si assume il CBD. Se la tua domanda è sempre cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi? Non preoccuparti: anche se è un cristallo il CBD si fuma. Sono diverse le forme di commercializzazione sotto cui si può acquistare il CBD, le più diffuse e conosciute sono i cristalli, appunto, e l’olio.

Non c’è bisogno di ricetta medica per accedere a questo tipo di sostanza, basta accedere a uno dei tanti negozi dedicati oppure acquistarla online. La tua ricerca su cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi? È terminata, ora lo sai e ti diciamo anche come farlo.

Come si usa il CBD

Si è già detto che in commercio il CBD si trova sotto forma di olio in boccette ovvero sotto forma di cristalli. Si tratta di due esperienze sensoriali completamente diverse ma ugualmente appaganti, la scelta è esclusivamente personale.

L’olio si assume ingerendo delle gocce sotto alla lingua, questo tipo di assunzione ha un effetto più immediato entrando prima in circolo nell’organismo. Se invece per te la ricerca del; cosa fumare al posto dell’erba per sballarsi? Riveste un significato specifico allora stai tranquillo, ecco come si fuma. Il cristallo di CBD va vaporizzato, né più né meno che come fumare una sigaretta elettronica.

Potrai aspirare i vapori di CBD puro, assumendone tutti gli effetti in forma più soft ma ugualmente efficaci. Gli effetti benefici del CBD, su cui concordano tutti gli studi clinici, sono equivalenti come risultati in termine di benessere e appagamento. Ti sentirai in pace col mondo, sereno, rilassato, privo di ogni forma di stress o di nevrosi. Insomma, tutto quello che c’era di buono nello sballo ma senza nessun rischio per la salute.

Come sballarsi con il CBD

Come sballarsi con il CBD

Come sballarsi con il CBD

Il CBD è uno dei fitocannabinoidi organici, vale a dire uno dei suoi composti, contenuti all’interno della canapa (il cui nome scientifico è Cannabis sativa). Tale acronimo sta per cannabidiolo e negli ultimi anni è entrato sempre di più nel sentito dire diffuso, nel linguaggio comune; al punto tale che è ormai un termine molto utilizzato per via del fatto che può essere assunto e somministrato legalmente.

Il suo utilizzo in campo medico è stato dapprima dimostrato negli Stati Uniti; di recente, dopo il via libera a livello europeo, comincia a essere impiegato anche in Italia a causa delle sue indubbie valenze benefiche e terapeutiche. Chi dovesse pensare a una droga dall’effetto stimolante e si domandi come sballarsi con il CBD è fuori strada, il CBD ha molti effetti benefici.

I principali effetti terapeutici del CBD

Vediamo di seguito quali sono le caratteristiche terapeutiche principali che derivano dall’utilizzo del CBD:

  • Analgesiche e antinfiammatorie. L’azione dei cannabinoidi si lega ai recettori del cervello alleviando la percezione del dolore.
  • La ricerca medica ha dimostrato senza ombra di dubbio che il CBD mitiga i sintomi del disturbo post traumatico da stress e del disturbo di tipo ossessivo compulsivo.
  • Il cannabidiolo ha un effetto riparatore sulle cellule cerebrali grazie alle sue proprietà antinfiammatorie.
  • Gli studi sembrerebbero dimostrare una sua efficacia anche nel caso di disturbi mentali quali schizofrenia o disturbo bipolare.
  • Antiemetiche e anticonvulsivante. Efficace contro vomito e alcune forme di epilessia.

Oltre a tutte queste proprietà il CBD è un eccellente antiossidante in generale, capace non solo di proteggere le cellule dell’organismo ma anche di rinvigorirle. Per tutti questi motivi è inutile domandarsi come sballarsi con il CBD, è una sostanza che rilassa e fa bene! Assumerne regolarmente può aiutare l’organismo ad affrontare la quotidianità senza affanni e senza stress derivato.

Modalità d’impiego del CBD

Il CBD si trova in commercio sotto forma di olio o di cristalli, la differenza è dovuta unicamente ai processi di lavorazione ma non comporta risultati differenti. Pertanto in nessuno dei casi si otterrà come sballarsi con il CBD bensì come curarsi e stare meglio. Le differenze tra olii e cristalli sono prevalentemente nell’aspetto e nelle quantità di principio attivo in esso contenuto. L’assunzione dell’olio di CBD avviene tramite gocce sublinguali e proprio per questo ha una rapidità di assorbimento più immediata, così come la sua efficacia. Insieme al CBD nell’olio sono presenti diversi altri fitocannabinoidi mentre nel cristallo, invece, si trova una concentrazione assoluta di sostanza CBD.

L’assunzione del composto in forma di cristallo avviene tramite vaporizzazione e vanno quindi inalati e aspirati, con modalità di assorbimento più dilatate. Forse quest’ultimo modo è quanto di più vicino all’idea di come sballarsi con il CBD che qualcuno potrebbe essersi fatto, ma rimane solo una suggestione. Come già detto l’assunzione del cannabidiolo è una pratica salubre, che giova all’organismo fisicamente. Non si tratta di una sostanza psicotropa ma, anzi, del tutto positiva per l’equilibrio psico-fisico ed i cui effetti e giovamenti si riveleranno come tali.

Che effetto fa il CBD?

Che effetto fa il CBD?

Che effetto fa il CBD?

Il CBD è la sigla che corrisponde al cannabidiolo, una sostanza perfettamente legale che si estrae dalla pianta della cannabis, nota anche come marijuana. A differenza del THC, altra sostanza della stessa pianta che però ha effetto psicotropo e dunque vietato, produce solamente effetti positivi sull’organismo umano. Se ti stai domandando che effetto fa il CBD?

Possiamo fare un bell’elenco di cose tutte buone per la salute. Studi medici, anche se ancora in corso, stanno riconoscendo un elevato valore alle sue proprietà curative e benefiche per l’organismo umano. La vendita dei prodotti che contengono CBD è assolutamente libera e legale senza bisogno di prescrizione medica.

Principali effetti del CBD

Il CBD dialoga direttamente con i recettori presenti nell’organismo umano attraverso il sistema endocannabinoide, favorendo lo svolgersi di attività importanti. Come ad esempio stimolare l’appetito, migliorare l’umore o alleviare la percezione del dolore. Se ti domandi nello specifico che effetto fa il CBD? te lo spieghiamo in poche parole:

  • Effetto antinfiammatorio
  • Effetto analgesico
  • Effetto ansiolitico

Questo solo per citare i principali tra gli effetti prodotti dall’assunzione di CBD. Dialogando con i recettori del sistema endocannabinoide, infatti, il CBD agevola nel trattamento degli stati dolorifici contribuendo all’allontanamento delle fasi acute. Le sue proprietà stimolano una reazione benefica dei meccanismi neurologici. E’ indicatissimo anche per fornire sollievo ed equilibrio eliminando lo stress. Infatti sembra molto efficace anche per mitigare i sintomi associati al disturbo post traumatico o per i sintomi del disturbo di tipo ossessivo compulsivo.

Tra le sue proprietà terapeutiche non vanno dimenticate le sue qualità antiemetiche e anticonvulsivanti: la sua assunzione riduce gli stimoli dei conati del vomito; ed è clinicamente accertato come efficace per le convulsioni di tipo epilettico. Insomma, che effetto fa il CBD? È estremamente benefico e mette completamente a proprio agio chiunque lo adoperi.

CBD come assumerlo e quanto prenderne

Il CBD che attualmente si trova in commercio si presenta sotto forma di olio o nell’aspetto di cristalli solidi. Tutto ciò è dovuto ai processi di estrazione e lavorazione della sostanza contenuta nelle foglie di canapa. In forma di olio le modalità di assunzione sono in gocce da prendere sotto alla lingua. Nell’aspetto di cristalli, invece, il CBD va assunto tramite vaporizzazione e quindi va trasformato in forma aeriforme e poi inalato; è il medesimo effetto che si ottiene con il fumo di una sigaretta elettronica. Quanto prenderne e che effetto fa il CBD? Il quantitativo da assumere, sia in forma di olio che utilizzandone i cristalli, è molto soggettivo.

Varia cioè da persona a persona essendo determinato dal metabolismo di ciascuno di noi. In linea di massima si raccomanda di non superare i 1500 mg nel corso di una singola giornata, però tale indicazione è piuttosto un suggerimento. La cosa migliore è autoregolarsi sulla base di come ci si sente al momento. Il CBD ha un grande potere calmante e favorisce la ripresa dallo stress accumulato durante la giornata. Non sono noti effetti nocivi dovuti al sovradosaggio o altri danni collaterali; pertanto, il CBD può essere assunto in tutta tranquillità.