Invia un'email

weedjamclubs@gmail.com

Condividi ...

Novità nei coffee shop di Barcelona dopo il Covid-19

Cosa cambia nei coffee shop di Barcelona dopo il Covid-19? Se stai pensando ad una vacanza a Barcellona per i suoi coffee-shop e sei in attesa che vengano riaperti i confini, devi conoscere alcune cose. In attesa che sia possibile spostarsi nuovamente tra gli stati, devi conoscere come l’emergenza Covid ha cambiato le regole di accesso ai coffee shop e a tutti i locali in generale.

Barcellona è stata una città duramente colpita dall’epidemia. Al momento sta lentamente ritornando alla normalità con un calo drastico di nuovi contagi che, rispetto alla fase acuta di marzo, sono scesi del 96%. La città sta riaprendo e così riaprono negozi, centri commerciali, ristoranti e coffee shop.

Ci sono delle regole che normano la riapertura. Sono richieste delle azioni, sia da parte dei gestori che degli avventori, in modo da mantenere alto il livello di sicurezza.

Ogni locale, così come i coffee shop, declina le regole imposte in modo da adattarle al proprio spazio e ai propri utenti, ma sempre nel più assoluto rispetto delle norme di sicurezza.

Possiamo dire che i coffe shop dopo il Covid-19 sono diventati degli ambienti sicuri e igienici e, sebbene si sia persa un po’ di spensieratezza, sono assolutamente sicuri. Entrare nuovamente in un coffee shop è finalmente possibile e si può fare nella più totale tranquillità.

Un sistema ad appuntamenti. Manteniamo il distanziamento sociale

I coffee shop dopo il Covid-19 si sono dovuti riorganizzare. Hanno dovuto ripensare a tutti gli spazi interni in un’ottica di distanziamento sociale. La normativa, infatti, prevede l’obbligo di mantenere una distanza minima interpersonale di due metri. Per questo motivo, e per non affollare gli spazi interni, i cannabis club hanno dovuto pensare ad un modo per contingentare gli ingressi. Non possono più permettersi, come prima, di lavorare al pieno della capienza. Un ristorante a Barcellona può riempirsi al massimo al 40% e così anche i cannabis club. Per questo motivo molti club ormai lavorano su appuntamento.

Per accedere bisogna prima contattare il club e chiedere un appuntamento, Verrà dato un orario di ingresso e di uscita e tale orario andrà rispettato. La soluzione di limitare gli ingressi ed il tempo massimo di permanenza è la sola che possa garantire di non sovraffollare il locale.  Tale soluzione permette anche un ricambio di ospiti che aiuta il club a sopravvivere pur lavorando solo a metà capienza. In questo modo la permanenza all’interno sarà sicura e piacevole ed il club non dovrà temere chiusure dovute ad irregolarità.

Igiene e sanificazione frequenti per la sicurezza dei soci

I coffe shop dopo il Covid-19 sono tenuti a rispettare delle rigidissime norme igieniche. La sanificazione dei locali più volte al giorno è solo una delle regole necessarie per impedire la diffusione del virus. Dovranno, inoltre, sanificare tutte le postazioni tra un socio e l’altro in modo da non permettere al virus di diffondersi.

I club non potranno più dare ai soci i dispositivi per fumare, che in questa fase devono essere strettamente personali. Ogni socio dovrà pertanto portarsi da casa i propri.

Ogni club deve mettere a disposizione dei soci gel disinfettanti per le mani e deve invitare soci e personale a lavarsi frequentemente le mani.

In questo modo sarà possibile accedere ai club in tutta sicurezza.


Condividi ...