Invia un'email

weedjamclubs@gmail.com

Condividi ...

Sicurezza cannabis club Barcelona

In periodo di riapertura, per la sicurezza cannabis club e associazioni cannabiche spagnole stanno lavorando alacremente.

Dopo un lungo periodo di chiusura dovuto al lock down portato dal Covid 19, il governo sta lentamente preparando la riapertura. Una serie di norme in materia di sicurezza cannabis club sono state varate e devono essere rispettate.

Riaprire in sicurezza è l’obiettivo finale e per ottenerlo tutte le realtà interessate si stanno muovendo con attenzione.

I cannabis club, nello specifico, sono soggetti a tutte le regole varate per i locali aperti al pubblico. Serietà e attenzione massima sono poste nell’applicazione di queste regole al fine di rendere l’apertura il più sicura possibile per i soci ed il personale.

Ogni realtà si attiva con attenzione per applicare le norme previste dalla legge. Per cui la riapertura proseguirà senza contribuire ad una nuova ondata del virus.

Così facendo i soci potranno nuovamente fare ricorso alla cannabis che, in questo lungo periodo gli era stata negata.

Cannabis club. Motivi di una chiusura annunciata

La chiusura dei cannabis club per via del Covid-19 è stata una chiusura annunciata. Infatti, in materia di sicurezza cannabis club e ristoranti sono stati assimilati.  Nell’ottica di rallentare la diffusione del virus tutte le attività ritenute non essenziali sono state sospese. In questo modo tutti coloro che facevano uso abituale di cannabinoidi sono rimasti sforniti.

Si tratta di una scelta che la dice lunga sull’ambiguità con cui si tratta la cannabis in Spagna. Se, infatti, è concesso coltivarla ed utilizzarla in privato, è fatto assoluto divieto di vendita e consumo pubblico. La nascita dei social club, all’interno di questo quadro normativo, si colloca come una forzatura della norma.

I consumatori di cannabis, anche coloro che la utilizzano a scopo terapeutico, sono rimasti sforniti per lungo tempo con unica opzione quella di rivolgersi al mercato nero. La cannabis non è stata infatti annoverata tra gli essenziali, come invece il tabacco e l’alcool.

Una riapertura in sicurezza

Con li lento affievolirsi delle misure restrittive, anche i cannabis club hanno potuto riaprire. Chiaramente, per quanto riguarda la sicurezza cannabis club devono seguire tutte le norme relative alla sanificazione ed al distanziamento.

Ogni locale aperto al pubblico deve applicare scrupolosamente delle regole che lo rendano sicuro tanto per gli avventori quanto per i dipendenti.

Lo stato ha varato una serie di norme che i cannabis club mettono in atto scrupolosamente. A parte la sanificazione frequente dei locali, vediamo quali sono le novità per accedere ai cannabis club.

  • Bisogna chiedere un appuntamento.
  • Ogni appuntamento ha una durata limitata che va rispettata per concedere l’accesso a tutti i clienti
  • All’ingresso occorre avere mascherina e documento di identità valido.
  • Chi presenta sintomi correlati a Covid 19 non può accedere
  • Bisogna mantenere una distanza interpersonale di 2 metri
  • Bisogna indossare i guanti e lavarsi frequentemente le mani o utilizzare un gel idroalcolico.
  • Bisogna portarsi i propri articoli per fumatori

Si tratta di norme comportamentali virtuose che servono a mantenere il distanziamento sociale necessario per evitare una recrudescenza dell’epidemia.

Così sarà possibile riaprire in sicurezza e godere nuovamente dei tanti vantaggi della cannabis.


Condividi ...