Invia un'email

weedjamclubs@gmail.com

Condividi ...

I turisti possono comprare marjuana a Barcelona?

Rispondere a questa domanda è meno semplice di quanto si pensi. Comunque, sì I turisti possono comprare marjuana a Barcelona. Di fatto non esiste una legge che impedisca agli stranieri di aderire ai cannabis club privati e quindi di acquistare cannabis. Tuttavia, la questione non è così semplice come si potrebbe pensare. Scopriamo perché.

Sì tutti i turisti possono comprare cannabis a Barcellona

I turisti possono acquistare la cannabis ma soltanto in ambiente privato, come in un club: fortunatamente i club privati di questo tipo sono molti in città e tutti accessibili. Unica condizione è conoscere qualcuno che già ne è membro, poiché si può accedere ai cannabis club solo se presentati da uno sponsor interno.

I turisti possono entrare a far parte di un cannabis club privato a Barcellona?

Non è quindi impossibile per un turista acquistare marjuana a Barcellona e tanto meno entrare a far parte di un cannabis club: bisogna solo conoscere le persone giuste! Non esistono leggi che regolano le adesioni ai club privati di questo tipo, qualsiasi persona può farne parte e non esiste alcun divieto per i turisti. Esistono protezioni costituzionali che consentono ai club di esistere, ma non vi è alcuna legislazione che governi questi club e stabilisca regole di funzionamento. Inoltre, spesso non esiste un periodo di attesa all’adesione per i turisti e gli stranieri, entrambi vengono trattati proprio come le persone del luogo.

I turisti possono acquistare cannabis a Barcellona senza entrare a far parte di un club privato?

A questo punto sorge spontanea una domanda: per i turisti è possibile acquistare cannabis anche senza far parte di un cannabis club privato? In questo caso tutto si complica. Non esiste di fatto un metodo legale per acquistare marjuana al di fuori di un club privato. I turisti a Barcellona possono aderire ai club, possono ricevere erba donata loro da parenti od amici, possono coltivarla in un ambiente privato. C’è infine la possibilità di acquistarla al mercato nero, non è reato a Barcellona, al massimo si può ricevere una multa dalle autorità competenti. Quindi, se coltivi erba a Barcellona e decidi di darne un po’ ai tuoi amici, potresti chiedere loro un rimborso per il lavoro svolto. Oppure, se ti trovi in una casa in cui è coltivata cannabis, potresti rimborsare il tuo ospite per il costo di produzione della cannabis che ti ha regalato. Così facendo a Barcellona è possibile ottenere marjuana legalmente, anche senza trovarsi in un cannabis club privato. Gli scambi devono avvenire in ambiente privato e non deve trattarsi di acquisto. In pratica, si tratta semplicemente di corrispondere un rimborso ai tuoi amici per quanto gli è costato produrre la cannabis che ti hanno regalato.

I turisti possono acquistare cannabis a Barcellona? La risposta finale

Se la Spagna volesse creare una legge per vietare ai turisti di entrare a far parte dei cannabis club privati nazionali, sarebbe subito attaccata in Europa. L’Unione Europea non può accettare azioni che discriminano volontariamente altri membri dell’UE. Perciò una legge che decidesse di vietare l’ingresso ai non spagnoli nei club privati sarebbe illegale. Inoltre, qualsiasi legge di questo tipo costringerebbe migliaia di persone a rivolgersi ai canali illegali del mercato nero. Tutto questo comporterebbe un aumento della criminalità, anziché prevenirla. Proprio per questo a partire dall’estate del 2018 i turisti possono acquistare cannabis a Barcellona, secondo le modalità illustrate. Quindi, diventando membri regolari di un cannabis club privato.

Sì, quindi i turisti possono comprare marjuana a Barcelona seguendo le regole

La Spagna ha deciso ormai da anni di aprirsi e dare opportunità a questo mercato fiorente e in crescita. La motivazione probabilmente nasce dalla domanda crescente ma non è solo questo il punto. Ci sono anche motivazioni di ordine sociale e perché no anche economico. Sul fronte sociale va ricordato che proprio Barcelona negli anni ’80 e ’90 era meta di avventurieri e spaccio selvaggio con tutte le problematiche del caso. La legalizzazione ha prodotto l’effetto sperato dai legislatori, ovvero ripulire la città dal sottobosco clandestino colluso con la criminalità. Sono stati sufficienti alcuni anni per ripulire le strade e dare decoro e anche identità a coloro che consumano cannabis per piacere o terapeuticamente.

Ovviamente il fenomeno dello spaccio clandestino non è stato completamente debellato, ma oggi rappresenta solo una minoranza. Il fatto che i turisti possono comprare marjuana a Barcelona senza problemi, angosce e disavventure varie, è sicuramente positivo per la città. Questo chiaramente grazie ai tanti Social Cannabis Clubs che oggi animano le vie del centro, di cui se ne contano alcune centinaia. Sicuramente un fatto positivo sotto ogni punto di vita, sociale indubbiamente ma anche economicamente è diventato un fenomeno importante. Intorno all’agricoltura della cannabis ruotano migliaia di persone tra produzione e indotto, un giro di affari importante e in constante crescita. Tutto questo offre anche un vantaggio per i consumatori, oltre la legalità anche i prezzi più bassi e qualità migliore. In conclusione, possiamo dire che i turisti possono comprare marjuana a Barcelona e che possono godersi una città metropolitana diventata un simbolo di crescita e prosperità in Europa!


Condividi ...