Invia un'email

weedjamclubs@gmail.com

Condividi ...

Sono più di 6 milioni gli italiani che fanno abituale uso di cannabis: per rilassarsi, divertirsi o a scopo terapeutico e legalizzarla non farebbe altro che conferire una migliore qualità e modalità sicure di acquisto. E proprio questa necessità di regolamentazione che ha spinto alcuni paesi europei, in primis la Germania a prendere in esame l’ipotesi di procedere alla legalizzazione della cannabis. Ma sarà così anche in Italia? Non è un caso che lo slogan di una delle campagne pro legalizzazione (Meglio Legale) più importanti del nostro Paese recita proprio “La legalizzazione della cannabis in Italia manda in fumo gli affari delle mafie”.

La stessa ministra Fabiana Dadone, responsabile delle Politiche Giovanili, invita a non adottare posizioni ideologiche sulla cannabis e a non rimanere ancorati rigidamente su un’unica posizione. Parole che suonano come un invito alle istituzioni politiche affinché comincino gradualmente a porre le basi per raggiungere una maggiore e soprattutto chiara regolamentazione in materia. Sicuramente il processo di legalizzazione conferirà un’importante spinta alla filiera agricola della canapa creando così potenziali posti di lavoro e occupazione a lungo termine. Questo lo sa bene Matteo Moretti, il fondatore di Justmary ovvero il primo delivery italiano di prodotti a base di cannabis e non solo. Egli, infatti, in un’intervista racconta come negli ultimi mesi le consegne siano notevolmente aumentate, complice anche la pandemia e le conseguenti misure restrittive. Come detto in precedenza gli italiani che usano abitualmente cannabis hanno superato i sei milioni, dunque un incremento del fatturato non ci deve assolutamente sorprendere. Ed è proprio per questo che la legalizzazione non farebbe altro che incrementare i benefici fiscali per lo stato. Basta considerare che Justmary nel primo semestre del 2021 ha fatturato oltre 700.000 euro registrando così un rialzo del 1000% rispetto ai 70.000 euro fatturati invece nel 2019. Questa piattaforma, infatti, conta più di 30.000 clienti registrati nel 2021, numero tra l’altro destinato ad aumentare complice anche la semplicità e sicurezza di acquisto.

Ma non c’è solo la cannabis. Negli ultimi mesi la piattaforma ha registrato un incremento delle vendite del Popper, ovvero di una sostanza stimolante che ha la funzione di incrementare il piacere connesso ai rapporti sessuali. Essa favorisce il rilassamento muscolare e si associa a un miglioramento della percezione fisica delle sensazioni corporee. È importante considerare che questa sostanza è legale in Italia, rispetto a qualche anno fa dove si poteva invece acquistare esclusivamente all’estero.
Legalizzare la cannabis, dunque, non farebbe altro che permettere uno sviluppo e un’ottimizzazione di tutta la filiera dedicata portando così la sicurezza d’acquisto a livelli assai elevati.


Condividi ...